Al producer di Yakuza piacerebbe realizzare un gioco di Sonic

In questo ultimo periodo SEGA sta festeggiando il suo sessantesimo anniversario, tra le varie iniziative in merito, è presente quella di piccole interviste ad alcune delle figure più importanti della compagnia. Una di queste è quindi stata fatta a Daisuke Sato, conosciuto nel settore per essere l’attuale producer dell’intero franchise videoludico di Yakuza. Oltre alle domande in cui parla della sua esperienza nell’azienda giapponese sin dai tempi del Saturn, l’intervistatore Derek Sekleci ha chiesto a quale IP SEGA li piacerebbe lavorare in futuro. Sato ha risposto così:

Un’IP SEGA in cui non ho mai messo le mani? In quel senso quello che mi piacerebbe provare è… Beh, Sonic. Dopo tutto, quando qualcuno menziona SEGA pensiamo automaticamente a Sonic, quindi mi piacerebbe essere coinvolto almeno una volta nel franchise. Ma per me il cosiddetto Sonic, ecco, se dovessi farlo io non realizzerei mai Sonic come lo abbiamo conosciuto fino a ora.

Il momento incriminato è presente al minuto 5.40 del video sottostante, in cui possiamo comprendere il desiderio dello sviluppatore nel realizzare un Sonic diverso dal solito. Sato è una figura realmente importante per l’azienda, conosciuto per aver lavorato a giochi dal calibro di Virtua Fighter 3tb, SEGA GT, Virtua Striker 2003 ver. 2002, Fist of the North Star Lost Paradise, Streets of Rage 4, Judgment, F-Zero GX, Super Monkey Ball Deluxe e molti altri. La dichiarazione è certamente importante, ma solo con il tempo scopriremo se vedremo mai in azione questo diverso porcospino blu.

Fonte: Sonic Stadium