SEGA Sammy: solidi incassi, ma ritardi previsti causa COVID-19

Tirando le somme sull’anno fiscale 2020, SEGA Sammy, la società per azioni che gestisce il reparto intrattenimento SEGA, divulga nel suo rapporto com’è andata la situazione finanziaria.

Buone notizie sul fronte delle vendite dei videogame, sia in digitale che in versione fisica: c’è stato un aumento degli incassi di 2.3 miliardi e dei profitti di più di 138 milioni, un salto del 50% in più rispetto all’anno precedente.

In particolare, le pubblicazioni in versione fisica ammontano a 26 milioni di copie, un incremento del 43%, grazie a titoli quali Team Sonic Racing e Mario e Sonic ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Da specificare, però, che l’anno fiscale di SEGA Sammy è terminato il 31 Marzo, proteggendo la società quasi del tutto dall’impatto della pandemia globale di COVID-19. Tuttavia, le prospettive per il futuro non sono del tutto rosee, in quanto la società detiene la proprietà di parchi divertimento, hotel e cabinati arcade che, logicamente, non potranno essere sfruttati appieno, almeno fin quando la pandemia continuerà a dilagare.

Sul fronte dello sviluppo videoludico, SEGA Sammy assicura che lo sviluppo di titoli futuri sta proseguendo in versione “casalinga”, ma il rischio è che “l’efficienza nello sviluppo possa scendere, di pari passo con la produttività”. Di conseguenza, prossimi titoli e iniziative annesse potrebbero subire posticipazioni se l’emergenza sanitaria dovesse proseguire.

Purtroppo, questo inciderebbe anche sul progetto dedicato al 30esimo anniversario di Sonic, previsto per il prossimo anno, progetto che è parzialmente incluso nell’attuale anno fiscale di SEGA.

Curiosamente, nel rapporto di SEGA Sammy non c’è stata menzione di Sonic – il film, ancora non rilasciato in Giappone.

Non ci resta che attendere e sperare che la situazione migliori abbastanza da consentire una ripartenza a pieno regime dei piani di SEGA.